Home  
  
    Abbigliamento di cucina
Cerca

Cocktail

Dizionario di cucina
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Abbigliamento di cucina: Definizione

Insieme degli indumenti usati da chi lavora a contatto con i cibi. L'a. di c. deve rispondere a due requisiti fondamentali: assicurare l'igiene degli alimenti e proteggere dalle macchie e dal calore. Le principali categorie professionali che fanno uso di tale vestiario sono i cuochi, i camerieri e i maîtres d'hôtel, oltre ai panificatori, ai pasticcieri, ai salumieri e ai macellai.

IL GREMBIULE
Il grembiule, che può essere considerato l'elemento principale dell'a. di c., costituito in origine da un semplice tovagliolo che veniva fissato alla cintola, è passato col tempo a proteggere anche parte del petto, prima nella tenuta femminile, poi in quella maschile, sino ad assumere nel XIX sec. la forma attuale. Per i cuochi, come per i macellai, i salumieri, i panettieri e i pasticcieri, il grembiule è prescritto dalla legislazione vigente; nel servizio in sala, ove tuttavia va scomparendo, permette di distinguere i camerieri dal maître d'hôtel, che non lo indossa; nella tenuta femminile, è andato riducendosi fino ad assumere una funzione di carattere puramente ornamentale.

IL CAPPELLO
La tenuta del cuoco è completata da un cappello, fatto che trae origine dalla diffusissima consuetudine medievale di indossare un copricapo in ogni occasione, anche a tavola. Se in origine tale indumento consisteva solo in un ampio berretto, col tempo è venuto assumendo la caratteristica forma odierna (una fascia aderente al capo, sormontata da una cupola rigonfia molto alta) e la denominazione di "tocco". Il tocco, cui ha diritto solo il cuoco finito, ha anche l'evidente funzione igienica di trattenere il sudore e i capelli; proprio per questo la legge fa obbligo a tutti gli addetti di cucina e alla preparazione di prodotti alimentari in genere di indossare un copricapo; i più diffusi sono la "bustina" per gli uomini e la "cuffia" per le donne. I camerieri lo hanno abbandonato molto presto, non avendo per loro alcuna funzione pratica; va scomparendo anche la "crestina", tradizionale ornamento delle cameriere. Gli altri elementi, pantaloni e giacca per l'uomo, abito per la donna, hanno sempre seguito la moda. Il costume attuale del cuoco (pantaloni bianchi, o a quadretti, giacca bianca a doppio petto e un fazzoletto bianco annodato intorno al collo) ha origine nel XVIII sec., epoca in cui il mestiere si afferma e acquista prestigio.

L'UNIFORME
È nel XVIII sec., appunto, che si definisce la forma dell'abbigliamento dei camerieri e dei maîtres d'hôtel. La loro uniforme (pantaloni, giacca e gilet nero, camicia bianca e papillon) ha un carattere solenne, che rimanda alla vecchia figura del "maestro di cerimonia". Anche la nozione d'igiene, che nasce in questo secolo e si sviluppa ampiamente in quello successivo, conferma l'originaria predilezione per il cotone, materiale che si smacchia, si lava e si stira facilmente, e permette inoltre una buona traspirazione. Va menzionato, infine, un ultimo attributo della tenuta del cuoco, oggi scomparso: il coltello portato alla cintola, sopravvivenza delle funzioni dello scalco .

Caricamento ...

Per saperne di più:

Effettua un'altra ricerca nel Dizionario di cucina



Newsletter

Test consigliato

Sai limitarti nelle spese?

Test psicologia

Sai limitarti nelle spese?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale