Home  
  
    Ebraica, cucina
Cerca

Cocktail

Dizionario di cucina
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ebraica, cucina: Definizione

Alimentazione delle comunità ebraiche. È contraddistinta da precisi vincoli religiosi; sono infatti esclusi tutti gli animali impuri, che non hanno né zoccolo né unghia fessa e non ruminano, i pesci senza pinne e senza squame, i rettili, i rapaci e gli insetti; i più comuni sono il maiale, il coniglio, la lepre, l'anguilla, i crostacei, i polipi, le seppie, le ostriche. Inoltre la legge impone di non consumare insieme carni e latticini: per la cottura si userà dunque grasso d'oca o di manzo e soprattutto olio, e, disgiuntamente, latte e burro. Le carni devono essere kasher, pure, macellate fino al loro completo dissanguamento per mano di persone preposte a questo ufficio dai rabbini. Altre prescrizioni intervengono durante il riposo sabbatico e nelle festività della Pasqua, in cui il pane deve essere azzimo, senza lievito e senza sale. Nella storia della c.e. si distinguono due tradizioni: sefardita (propria della diaspora iberica, mediterranea e nordafricana) e ashkenazita (germanica, slava e nordica).

I PIATTI ITALIANI
Fermi restando i precetti fondamentali e il patrimonio nutrizionale acquisito nei vari stanziamenti, le risorse del paese d'adozione sono tuttavia prioritarie e vengono sfruttate in una gamma ricchissima di piatti. In Italia questi ultimi si ripartiscono in modo conforme all'uso locale, da Padova a Ferrara, a Roma, in: minestre brodose e asciutte, tramezzi e uova, pesce, carne, verdure e dolci. Fra le salse, ne figurano alcune classiche e altre povere, dalla béchamel alla maionese, alla vinaigrette, a quella d'acciuga o di tonno. Le regole rabbiniche hanno favorito il consumo di piatti kasher quali salami e prosciutti d'oca, polpettoni di tacchino, oca o manzo, e hanno indirettamente contrassegnato numerose pietanze con la denominazione "alla giudia" (le polpette di manzo e di tacchino, o i contorni di finocchi, melanzane e carciofi fritti in olio abbondante).

LE AZZIME
Durante la Pasqua le azzime ispirano un vero e proprio ricettario, con palline di farina in brodo, torte salate con verdure cotte e zuccherate con le mandorle. Il gusto agrodolce, spesso avvertibile, è ottenuto con l'aceto ebraico o agresto, sugo dell'uva acerba ridotto in pentola e conservato freddo in bottiglia. Oltre a crostate, pignoccate e mandorlate, preparazioni popolari o antiche delle cucine regionali, numerosi sono i dessert per i giorni festivi; ricordiamo l'hallà o pane del sabato (di farina bianca, lievito di birra, olio, semi di anice e un cucchiaino di zucchero), le ciambelline del Kippur (profumate al limone, alla vaniglia e alla cannella) o le paste bianche del Purim (di marzapane, zucchero a velo e acqua di fiori d'arancio), a forma di conchiglia, di pesce o di grappolo d'uva.

Caricamento ...

Per saperne di più:

Effettua un'altra ricerca nel Dizionario di cucina



Newsletter

Test consigliato

Sai limitarti nelle spese?

Test psicologia

Sai limitarti nelle spese?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale